L’ora più buia

LOra-più-buia-696x465

L’uomo, le sue sconfitte, la parola.

La pietra scartata dai costruttori è divenuta testata d’angolo”: ho letto una volta in un libro molto importante; il reietto ripescato, l’escluso a causa dei suoi stessi fallimenti, il mediatore scomodo ma utile, l’inviso ai politicanti e ai diplomatici ad oltranza, il mal sopportato dal reggente, diventa la soluzione pasticciata ai problemi di un’intera nazione. Perché l’evoluzione nasce da un errore che diventa codice registrato e trasmesso ai discendenti dopo numerose prove di esistenza, non nasce dall’ordinario, da scelte senza rischio e dalla vita lineare. La guerra non si fa solo con le armi e gli uomini valorosi che offrono il petto al nemico sui campi di battaglia: un corpo bizzarro (antitetico a quello di dittatori vegetariani!), un personaggio eccessivo, sgraziato, viziato e grottesco, che la moglie nell’intimità ama chiamare “porcellino”, la sua parola maldestra e farfugliata – a malapena captata dalla povera segretaria personale che ha l’ingrato compito di dover dattilografare i futuri discorsi dell’improbabile statista messo lì a tappare buchi politici all’indomani dell’inizio di un conflitto mondiale – possono vincere una guerra.

Non ci sono insanguinati campi di battaglia alla Spielberg ne “L’ora più buia”, ma solo sprazzi di vita privata e politica di un alcolizzato godereccio, appassionato di sigari che deve resistere agli attacchi interni al gabinetto di guerra da lui stesso presieduto, prima ancora che a quelli di Hitler.

churchill-oldman-675x905-675x904

La parola è guerra: quella dettata in vestaglia per un telegramma con davanti una colazione ricca di grassi animali e alcol; quella indecisa, tirata fuori a forza e raccolta in foglietti sudati e meditati, la parola cancellata e riscritta un attimo prima di entrare in scena sul palco della politica che è sempre in cerca di un capro espiatorio; quella pronunciata alla radio per una nazione in ascolto e in attesa di una luce da seguire nel buio o di una “v” fatta con le dita in segno di vittoria. La parola che elemosina aiuti bellici sull’altro lato dell’oceano, che cerca consiglio tra la gente comune nel profondo di una metropolitana; la parola appuntata su una scatola di fiammiferi prima di una riunione di governo… Si cerca di vincere con mezzi anche poveri, di fortuna: perché la perfezione non è sempre alla nostra portata, la preparazione non sempre è possibile, la precarietà e l’approssimazione convivono con noi e solo chi sa accettarle, assorbirle, farsele amiche, può trasformarle in forza. Lasciarsi sconfortare dalle difficoltà, arrabbiarsi, bestemmiare, maledirsi e maledire i nemici, mandare al diavolo chi ci sta vicino, restare al buio a riflettere e a leccarsi le ferite, ma subito dopo rialzarsi e vincere: è possibile solo se si impara a convivere con l’imperfezione.

Ma non tutte le parole giuste nascono da noi stessi: spesso dobbiamo cercarle negli altri, nel popolo, nel cosiddetto “uomo della strada” la cui saggezza non è contenuta in alcun libro ma vaga libera tra le vie del mondo in cerca di ascoltatori dal cuore aperto e semplice. Anche quando è la disperazione a renderci aperti e semplici, fosse anche per una frazione di secondo: quella sufficiente a salvarci e ad avere una nuova idea per sconfiggere il nemico.

Annunci

2 pensieri riguardo “L’ora più buia

  1. Le guerre si decidono con le “parole” e i soldati sono solo la carne di quel braccio che si muove contro l’altro. Cosa c’è dietro quelle “parole”, in questo caso specifico, lo hai spiegato molto bene, incuriosendo ancor più, il mio desiderio di voler vedere questo film quanto prima.
    Affascinata da “ciò che non si vede”, offro anche io il fianco ad una vita imperfetta, quale è la mia, così simile a quella di molti altri… compresi coloro che stanno nella stanza dei bottoni. Nel tutto ci accomuna la capacità di “convivenza” con questa “imperfezione” e a quanto pare, neanche Churchill ha potuto fare a meno di captare le parole imperfette “dell’uomo di strada” per rielaborare le sue di parole, da comunicare ad una Nazione intera, il cui destino era nelle sua mani.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.